Glossario: Polveri sottili

 

Le polveri, più sono sottili e leggere (se p.e. raggiungono pochi microgrammi ogni metro cubo - µg/m³ = millesimo di milligrammo), più sono pericolose, perché penetrano nelle vie respiratorie, arrivando fino agli alveoli polmonari.
In proporzione all’esposizione possono causare patologie respiratorie e cardiache, o anche malattie molto gravi come il cancro.
Sono prodotte da impianti industriali inquinanti, dal riscaldamento e dal traffico (maggiormente con i motori diesel, ma anche con l’usura di gomme, freni e strade).
Vengono misurate nelle centraline con la sigla PM (particulate matter).
I limiti di legge sono: 25 µg/m³ per il PM 2,5 ; per il PM 10 50 µg/m³ come valori massimi misurati nell'arco di 24 ore da non superare più di 35 volte/anno e, sempre per il PM 10 , valore massimo come media annuale: 40 µg/m³.
Se ossidi di azoto e di zolfo, benzene e piombo sono in diminuzione, grazie al miglioramento di combustibili, caldaie e motori, l’aria delle città continua a esser afflitta da un eccesso di polveri sottili, specie negli inverni freddi, poco piovosi e poco ventosi.

A Vigevano i valori di PM10 e NO2 sono misurati da ARPA attraverso una unica centralina, i cui dati sono accessibili nella pagina ARPA: stazione Vigevano Valletta.
Un quadro più generale della situazione è invece mostrato nella pagina ARPA su Vigevano.

Al fine di arricchire queste informazioni, alcune associazioni (tra cui Vigevano Sostenibile) hanno deciso di posizionare dei rilevatori PM10 e PM2.5 in postazioni distribuite a Vigevano e dintorni. La prima installazione il 29/3/2020. Vedi anche la nostra pagina dedicata alla centralina Pm10 e PM2.5.

Definizioni di PM 2,5, PM 10 e NO2

Un aerosol è definito nella sua forma più semplice come una collezione di particelle solide o liquide sospese in un gas mentre il termine particolato (particulate matter, PM) individua l’insieme dei corpuscoli di tale miscela. Con particolato atmosferico si fa riferimento al complesso e dinamico insieme di particelle, con l’esclusione dell’acqua, disperse in atmosfera per tempi sufficientemente lunghi da subire fenomeni di diffusione e trasporto. Il PM10 è la frazione di particelle raccolte con un sistema di selezione avente efficienza stabilita dalla norma (UNI EN12341/2001) e pari al 50% per il diametro aerodinamico di 10 µm. Spesso, in modo improprio, si definisce il PM10 come la frazione di particelle con diametro uguale o inferiore a 10 µm. Considerazioni analoghe valgono per il PM2.5 (UNI EN14907/2005).

A differenza del particolato, il biossido di azoto (NO2) è un gas di colore rosso bruno, dall’odore forte e pungente, altamente tossico e irritante. Essendo più denso dell’aria tende a rimanere a livello del suolo.

Caratteristiche

Il particolato può essere di tipo primario (se immesso in atmosfera direttamente dalla sorgente) o secondario se si forma successivamente, in seguito a trasformazioni chimico-fisiche di altre sostanze. Le sorgenti possono essere di tipo naturale (erosione del suolo, dispersione di pollini, etc.) o antropogenico (industrie, riscaldamento, traffico veicolare e processi di combustione in generale).

Si tratta, dunque, di un inquinante molto diverso da tutti gli altri, presentandosi non come una specifica entità chimica ma come una miscela di particelle dalle più svariate proprietà. I maggiori componenti del particolato atmosferico sono il solfato, il nitrato, l'ammoniaca, il cloruro di sodio, il carbonio, le polveri minerali e si stima che in alcuni contesti urbani più del 50% sia di origine secondaria.

Gli ossidi di azoto (NOX) vengono prodotti da tutti i processi di combustione ad alta temperatura (impianti di riscaldamento, motori dei veicoli, combustioni industriali, centrali di potenza, etc.), per ossidazione dell’azoto atmosferico e, in piccola parte, per ossidazione dei composti dell’azoto contenuti nei combustibili. Il biossido di azoto è un inquinante per lo più secondario, che si forma in atmosfera principalmente per ossidazione del monossido di azoto (NO).

Fonti
https://it.wikipedia.org/wiki/PM10

Nessun commento: