sabato 30 maggio 2020

Vigevano: la parca riapertura dei parchi

Vorremmo modestamente contribuire alla diffusione di una informazione completa riguardo la situazione attuale di riapertura dei parchi "pubblici" vigevanesi, aggiungendo qualche dettaglio alla peraltro corretta sintesi pubblicata da La Provincia Pavese del 29 maggio 2020.

Ossia, dove si legge:

“già riaperto il cortile del Castello e del Parco Parri”

vorremmo segnalare che non è "proprio vero", ossia più precisamente ....

Il cortile del Castello è aperto solo al pomeriggio. E' tuttavia prevista, evidentemente, una grande affluenza, essendo ogni mattina dedicata alla sanificazione, a porte accuratamente chiuse.

Riaperto il solo Bar del Parco Parri, dall’unico ingresso in C.so Anita Garibaldi, mentre resta transennato tutto il resto del Parco. La parte accessibile di Parco, ossia la terra ormai incolta sotto i tavolini, è stata opportunamente ricoperta con il consueto ‘tappeto rosso’ che siamo certi (ma siamo ignoranti quindi ci resta il dubbio) sia stato approvato come igienicamente conforme al vigente regime sanitario.



Riaperti anche i giochi a pagamento, dove ai bambini è concesso saltare in gruppo, pur mantenendo le distanze regolamentari grazie evidentemente ad un elaborato sistema di rimbalzo controllato del tappeto elastico (ma siamo ignoranti quindi ci resta il dubbio).



Notiamo quindi con ammirazione che l’Amministrazione di Vigevano cerca giustamente di salvaguardare il business privato, certamente molto importante per la ripresa.
E giustamente lo difende dalla frequentazione disordinata ed infruttuosa degli appassionati di spazi verdi, peraltro quasi sempre stranieri e così spesso malavitosi.

Certo non può salvaguardare proprio tutti … cioè per dire … non può certo chiudere Piazza Ducale per difendere gli altri bar dalle scorribande notturne di annoiati ragazzini di buona famiglia vigevanese.

Si può fare molto, ma non tutto.

venerdì 8 maggio 2020

Capitan LIPU e le cinciallegre abbattute

Gruppo Verde Urbano Latifoglia U+1F333


 Ehi @Cap, risulta che in Via Mazzini abbiano allestito un nido di fortuna!

Alcune cinciallegre sono state trovate a terra.
12:23
Capitan LIPU

GGGHHH
Ma non va bene! E' troppo esposto!

Un intero nido ?! E perché mai?

Dove stavano prima?
12:25
 
 
Hanno potato recentemente e hanno anche abbattuto diversi alberi.
E' possibile che ci fossero dei nidi.
Sono rimasti senza tetto.
12:27
Capitan LIPU

 Emoji terrorizzato U+1F631 Emoji spaventato U+1F628
STAI SCHERZANDO !?!?


Ma è il 6 di Maggio !

Non si abbattono gli alberi nel periodo di nidificazione !!

CORRO.
12:28
 
 Sharon
Emoji terrorizzato U+1F631 NOOOOOO !!
12:29
 
 
No ... li avevano già abbattuti prima.

Certo è che le cinciallegre non nidificano sotto le panchine.

Questo è quanto rimasto dell'albero 524.

 
Anche il 566 è scomparso.
Eppure ... non mi torna, perché nella valutazione dell'agronomo non risultavano "da abbattere" ...
E infatti da questa sezione si direbbe che il tronco era sano.
12:40
Capitan LIPU
Sono sul posto.
Ieri sera hanno trovato 4 piccole cince sotto un albero e le hanno messe in questa scatola.

Ho recuperato una scala e una cassetta/nido con un po' di bambagia, ora le sposto più in alto.
12:51
 
 Ho controllato le valutazioni dell'agronomo. Infatti risulta:
566 Valutare abbattimento anticipato
524 Valutare abbattimento anticipato, IN ALTERNATIVA RIDURRE IN ALTEZZA LA CHIOMA E MANTENERLA LEGGERA.

Direi che hanno "valutato" molto attentamente ... visto che avevano già la sega in mano hanno deciso di tagliare, senza verificare la presenza di nidi.

Eppure la stessa analisi segnala chiaramente la presenza di una "cavità aperta" ...
12:51
Capitan LIPU
Certo! Le cinciallegre nidificano nelle cavità degli alberi - chiunque del mestiere lo sa.

E forse non mi sono spiegato bene:
distruzione di nidi, legge 157 del  '92 = denuncia penale.
Sono in contatto con la LIPU.
13:00

 Figurati! Mettere in piedi una denuncia per un solo nido ...
Tutte spese che ben pochi possono permettersi.
E così passerà sottotono come al solito.
Ma che almeno si sappia ... altro che "APPALTO VERDE A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE" come scrivono sul sito del Comune ...
13:06
Capitan LIPU
Incredibile ma vero, da sotto una macchina parcheggiata, forse sentendo i pigolii di fratelli, è uscita una quinta piccola cincia!
Rimasta in strada da ieri!... 😱😍
13:21
 
Sharon
BRAVOOO !!
Faccina con tre cuori U+1F970
13:22
 
 E non è neppure il primo albero che troviamo abbattuto a dispetto delle prescrizioni dell'agronomo.
Nel piazzale del cimitero è scomparso un bellissimo acero per il quale era prescritto "Riduzione consistente della chioma in alternativa all'abbattimento".



Il Comune ci ha messo due mesi per mostrarci la documentazione dell'agronomo che avevano promesso alla Consulta per l'Ambiente.

Inoltre la lista degli alberi che stanno abbattendo, che è pubblicata sul sito, non è inclusa nelle analisi dell'agronomo che ci hanno dato.
Semplice dimenticanza? Ignoranza? Ci hanno dato il contentino?
13:33
Capitan LIPU
Dai, ci pensiamo dopo, ormai bisogna intervenire.

Ho pensato di lasciare la cassetta aperta.
Un piccolino è già salito sul bordo della scatola !
Speriamo che venga riconosciuto.

13:55
 
 GRANDE !
Speriamo che non siano stati abbandonati !

13:57
Capitan LIPU
ECCOLO !!
Solo dopo pochi minuti un adulto è già sceso a nutrirlo! 😍🎊🎉
GUARDATE !


14:07
 
 Sharon
Cuore rosso Emoji U+2764
14:08
 
  Pugno Emoji U+1F44A Bicipite Emoji U+1F4AA Persona con le mani preghiera U+1F64F
14:09
Capitan LIPU
Grazie amici. E' un dovere.
Sono soddisfatto.
MA ANCHE INCAZZATO NERO.
PORC !!

Tridente Emoji U+1F531
14:15
 

Il gruppo "Verde Urbano" di Vigevano Sostenibile sta monitorando la situazione del verde cittadino, la cui gestione appare piuttosto disinvolta e sbrigativa.
Abbiamo chiesto e vorremmo collaborare col Comune e col manutentore in maniera proattiva, a vantaggio delle piante e dell'ambiente in cui viviamo.

Diciamo però che non siamo partiti molto bene ... dover salvare nidi abbattuti era ben oltre le nostre peggiori aspettative.

domenica 3 maggio 2020

OMS: per la fase 2 meglio la bici dell'auto

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato sul proprio sito un piccolo vademecum, nel quale elenca le modalità di spostamento della Fase 2 (fine del lockdown). Dalle linee guida emerge che la bicicletta è il mezzo di trasporto migliore per i centri urbani perché garantisce il distanziamento sociale e aiuta a mantenerci in movimento e in forma fisica.