lunedì 27 gennaio 2020

Il Comune di Vigevano NON aderisce al Plastic Free Challenge

Già dal 4 ottobre 2018 un comunicato stampa ufficiale proclamava a viva voce:


aggiungendo:"Il Ministero invita aziende ed enti della Pubblica amministrazione che vogliano diventare plastic free, ad elaborare iniziative di riduzione della plastica monouso come quelle messe in atto dal Ministero dell’Ambiente e darne comunicazione all’indirizzo plasticfree@minambiente.it per vederle inserite sul sito www.minambiente.it"

Il messaggio forte e chiaro del Ministero era:

ABBIAMO DATO L’ESEMPIO, ORA OGNUNO FACCIA LA PROPRIA PARTE.

Bene. Ora vi illustriamo come il Consiglio Comunale di Vigevano ha deciso di NON FARE LA PROPRIA PARTE.

Le istruzioni del Ministero sono semplici, non richiedono ulteriori sforzi di fantasia e sono tutte spiegate in questa pagina: www.minambiente.it/pagina/come-aderire.

Certo non si tratta di azioni risolutive: il loro valore è simbolico. Ma almeno mostra che anche il Comune ed il suo personale si impegnano con piccoli (ma veramente piccoli) sforzi per ridurre lo spargimento di plastica.

La stessa pagina elenca anche le quasi 500 istituzioni pubbliche, tra cui più di 160 Comuni, che hanno già aderito alla iniziativa. Gli amici di Abbiategrasso spiccano in prima fila (ok per meriti alfabetici, ma intanto ci sono).

Accade allora che il 4/1/2019 il M5S propone una "Mozione Vigevano Comune Plastic Free", che viene discussa quasi subito dopo, come risulta da delibera N. 40 di Registro per le Delibere di Consiglio del 15/04/2019.

La votazione è sorprendente: 5 favorevoli (Baldina, Bonecchi, Madeo, Corsico Piccolini e Spissu) e 14 contrari.
MOZIONE BOCCIATA

Per convincersi che non si tratti di un errore di trascrizione, basta strabuzzarsi gli occhi con lo streaming della riunione, disponibile sul sito magnetofono.it (che purtroppo usa la tecnologia Flash, ormai obsoleta) oppure come mp4 diretto.
In estrema sintesi, tutti sono fortemente d'accordo, ma risulta inammissibile che M5S voglia fare il primo della classe, quindi la mozione è bocciata.

Vedere per credere, ma ecco comunque un breve script per i frettolosi:
A 5:15 Baldina introduce il significato di plastic-free con una spiegazione esaustiva ancorché superflua.
A 8:30 Chiapparoli (a quel tempo seduto a destra) non solo si dichiara concorde, ma ricorda una commissione consigliare del 29/11/2018 in cui tutti risultavano concordi. Motivo per cui voterà no, ma ha già convocato una Commissione per discuterne il mercoledì seguente.
A 11:45 (dopo un momento di ilarità sulla parola 'rosso' che costringe Buffonini a pistolare col tasto [mute]) anche Vese conferma l'interesse sul tema, al punto che ricorda una propria mozione del 7-6-2018 "lotta all'inquinamento da plastica e riduzione dell'impatto ambientale" che portarono, dopo vari incontri in Commissione, a programmare una mozione congiunta tra tutti le parti. Ragion per cui, anche lui voterà no per questa mozione proposta dal M5S.
A 13:15 Parini conferma che l'argomento interessa anche loro, anzi in senso più allargato che il semplice plastic-free. Ragion per cui, anche loro voteranno no.
A 14:00 Spissu osserva che i lavori della Commissione si sono interrotti mesi or sono e conferma la necessità di riprenderli. Tuttavia la mozione di MS5 è diversa da quanto discusso in quel contesto e quindi voterà si.
A 15:00 Carignano non esprime interesse per il problema, ma concorda stoicamente con la maggioranza ossia voterà no.
A 16:00 Baldina (ahilei in Consiglio solo da 6 mesi, quindi incredula di fronte a tale reazione negativa) replica innocentemente che, trovando troppo lunghi i tempi decisionali del Consiglio, aveva ritenuto di sbloccarli con questa proposta semplificata.

Risultato: mozione bocciata, per difetto di protagonismo.

E così tutto torna come prima, fino a che, un bel giorno ...

Accade allora che il 25/11/2019 il M5S ripropone una "Mozione Vigevano senza plastica", che viene discussa quasi subito dopo, come risulta da delibera N. 5 di Registro per le Delibere di Consiglio del 23/01/2020.
Il progetto Plastic Free Challenge è ora il primo di vari punti, tutti già discussi in Commissione.
La votazione quasi non ci sorprende più: 2 favorevoli (Baldina, Corsico Piccolini), 13 contrari, 3 non partecipanti.

MOZIONE BOCCIATA

Ancora una volta lo streaming si trova su magnetofono.it, oppure mp4 diretto.
Ma siamo sicuri di volerlo (ri)vedere ? Ok, ecco la sintesi, per i più timorosi.

A 1:18:00 Baldina presenta la mozione.
La sequenza delle obiezioni dalla maggioranza che segue è praticamente identica a sé stessa: sono tutti concordi e molto interessati all'argomento, però bisognava fare una mozione congiunta e non è stato fatto. Quindi voteranno no.

Baldina, costernata, propone di aggiungere le firme di tutti e di procedere con una proposta congiunta. Insiste: "noi dobbiamo dare l'esempio: se non lo diamo noi come possiamo aspettarci azioni dagli altri?"
Ma la maggioranza è irremovibile: non è questione di firme, bisognava parlarne in Commissione. Parini osserva che la maggioranza avrebbe dovuto convocare la commissione; il Presidente di Commissione Chiapparoli (ora seduto a sinistra) conferma di non avere ricevuto richieste dalla maggioranza.
Segue un battibecco: Baldina propone una sospensione per parlarne ora, Buffonini inventa una votazione per approvare la sospensione, polemica sul diritto di sospensione e quindi sulla irregolarità di questa votazione, votazione della sospensione, sospensione bocciata. E mozione bocciata.


Risultato: fino a prova contraria, il Comune di Vigevano NON sarà plastic-free.

Difficile per un normale Cittadino digerire certi cavilli burocratici, anzi politici. O almeno è più difficile che infilarsi due dita in gola.

Ci rimane però il messaggio forte e chiaro del Consiglio Comunale di Vigevano:

ABBIAMO DATO L’ESEMPIO, ORA OGNUNO FACCIA LA PROPRIA PARTE. 

Nessun commento: