lunedì 24 giugno 2019

NO al Centro Commerciale El-Alamein - Consiglio Comunale 17-6-2019

Vi presentiamo una sessione molto importante del Consiglio Comunale, in cui la maggioranza dimostra la propria volontà di consumare suolo e di nuocere al commercio locale, favorendo investitori esterni al punto di rinunciare persino agli oneri di urbanizzazione.

Vi presentiamo anche di un momento estremamente triste per il rispetto dei Cittadini e della Città, in cui abbiamo visto cestinare con indifferenza 2000 firme contrarie al progetto El Alamein, nonché reprimere una legittima protesta - pacifica e silenziosa - ricorrendo all'intervento preventivo degli Agenti di Polizia.

Ma anche una prestazione teatrale di prim'ordine - a cui vi pentirete di non aver assistito in prima persona.

Ok, ma andiamo con ordine ...



L'intera riunione di Consiglio è accessibile in streaming su magnetofono.it oppure in mp4 diretto.
(magnetofono.it usa la tecnologia Flash, ormai obsoleta per molti browser)

Come nel migliore teatro, il primo tempo è un po' noioso, ma il secondo è carico di emozioni.

Saltiamo il primo argomento e passiamo direttamente a
00:32:17 - Variante al piano di lottizzazione via El Alamein

L'Assessore Pigola rilegge senza espressione la relazione che tutto il Consiglio già conosceva, ossia elenca lo smodato numero di mq destinati a cemento (seppure ridotti rispetto al progetto precedente), elenca i passaggi burocratici già superati, elenca le "misure compensative" finanziate dal costruttore "in cambio" della concessione (molte delle quali a rischio di ulteriore impatto ambientale e urbanistico), nonché le drammatiche (ma presentate come lievi) modifiche alla viabilità delle rotonde esistenti inclusa quella ulteriore che verosimilmente isolerà Strada Rebuffi.

A 0:58:00 Buffonini lo interrompe. E passa la parola a Emanuele Corsico Piccolini. Il suo intervento è scorrevole, ma riportiamo alcuni punti salienti: questa giunta "se ne fotte" della Città e si basa unicamente sui seggi vinti alle elezioni; state ignorando 2000 firme raccolte contro questa opera; avete cacciato l'assessore Suvilla solo per aver dissentito sul consumo di suolo; le decisioni "tecniche" e inevitabili di oggi sono il frutto di decisioni "politiche" di queste ultime 4 giunte; la verità che questo progetto è una "porcata" ma voi "la volete fare"; i nostri vecchi ci insegnano "la terra è l'unico bene che non si riproduce" e voi la state massacrando.

A 1:08:00 Baldina evidenzia e spiega come questo progetto presenta un "centro commerciale" camuffato come diverse costruzioni contigue, per aggirare una legge regionale che limita la costruzione di nuovi centri. Rinunciando tra l'altro agli oneri di urbanizzazione, che quindi verranno ancora pagati dai cittadini. Le opere compensative promesse sono "una miseria" e dobbiamo aspettarci che vengano realizzate con leggerezza e incuria come nei casi già conosciuti. I mq destinati al commercio sono aumentati rispetto al progetto originale, con prevedibili drammatiche conseguenze sulla vita dei negozi esistenti.

Cotta Ramusino a 01:19:41 dichiara la contrarietà al progetto, in quanto inopportuno sia per il luogo che il momento della realizzazione: Vigevano ha bisogno di aziende produttive e non di ulteriori strumenti di consumo. Vigevano è costellata di capannoni abbandonati.

Madeo a 1:28:00 evidenzia che i pareri negativi della soprintendenza sono 3 (e non 1, come dichiarato), e hanno aperto di fatto una interlocuzione tra il proponente e la Soprintendenza, a fronte dei quali il Comune non solo non ha sospeso il giudizio, come sarebbe stato saggio, ma ha addirittura accellerato il processo di approvazione. Si rischia così di impegnare la macchina comunale per nulla, con i relativi costi potenzialmente sprecati.

Ma ecco che lo sceneggiatura si fa movimentata ...

A 1:37:43 Buffonini interrompe il pubblico servizio per impedire l'esposizione, tra il pubblico, di un messaggio di protesta (il quale, di suo, non avrebbe interrotto alcunché). Ordina agli agenti di Polizia di sequestrare "lo striscione", ossia chiede di compiere un gesto illegale, che infatti gli agenti si rifiutano di compiere. Quindi a 1:45:10 offende i presenti con la frase "cittadini di questo genere, sinceramente, qualsiasi città ne farebbe volentieri a meno".

Lo streaming non riprende quanto accade in aula. Ma potete trovare un video, commentato, nel post "No al Centro Commerciale El-Alamein - REPRESSIONE del dissenso !"


Quindi la votazione si conclude e ovviamente la maggioranza approva la variante.

Ora il Consiglio cambia argomento ... ma lo spettacolo non è finito ...

A 1:46:30 Buffonini dimostra di non conoscere il significato di "maggioranza assoluta": prima la scambia per "unanimità", poi intende la totalità dei presenti, poi viene finalmente corretto dai colleghi, che gli porgono il regolamento. Chissà, forse pensando ... "Presidenti di Consiglio di questo genere, sinceramente, ...".


A 1:54:55, durante l'intervento di Madeo, Buffonini chiede un po' di silenzio in aula "se dovete chiacchierare potete uscire dall'aula" ...

... si tratta del Sindaco, che sta chiacchierando rumorosamente ...

Ma Buffonini ...

non chiede agli agenti di allontanarlo,

non lo accusa di interruzione di pubblico servizio,

anzi ammicca ... "la ringrazio ... no no ma .. ho avuto un input dal Consigliere Madeo, che mi diceva che ... lei stava stava ... disturbando ... Ecco ... potete uscire ... Senza urlare, però, se no poi si sente ancora".

E nemmeno lo offende dicendogli "Sindaci di questo genere, sinceramente ...".


Nessun commento: